EXPA

Un progetto culturale condiviso

L’Ecomuseo Terra del Castelmagno si propone di dare voce e di coinvolgere attivamente le comunità e gli attori (aziende agricole, pro loco, albergatori, consorzi e singoli appassionati) degli otto Comuni della Valle Grana (Cuneo): Cervasca, Bernezzo, Caraglio, Valgrana, Montemale, Monterosso Grana, Pradleves, Castelmagno. Inaugurata nel 2015, nei tre anni di programmazione la manifestazione ha visto organizzati più di 50 eventi.

Forti dell’esperienza maturata nelle edizioni passate, EXPA 2019 vuole proseguire il lavoro intrapreso negli anni precedenti, consolidando sinergie e potenziando la rete instauratasi tra gli operatori del territorio.

Questo intento si è realizzato attraverso la creazione di un calendario di appuntamenti rivolti a un pubblico di persone appassionate al tema del buon cibo e dei prodotti tipici.

Un calendario ricco di eventi

Il calendario EXPA | Esperienze x Persone Appassionate è articolato su 19 appuntamenti da aprile a novembre 2019 molto diversi tra di loro, ma tutti all’insegna della passione per la Valle e per il suo sviluppo economico e turistico consapevole, con l’intento condiviso di mettere il visitatore in stretta relazione con il territorio.

Un percorso condiviso con il territorio

EXPA (Esperienze X Persone Appassionate) è una rassegna che dal 2015 propone un calendario di appuntamenti rivolti ad un pubblico di “appassionati” ai temi legati ai prodotti tipici e alla cultura del territorio, coinvolgendo attivamente le comunità e gli attori degli otto Comuni della Valle Grana (Cervasca, Bernezzo, Caraglio, Valgrana, Montemale, Monterosso Grana, Pradleves, Castelmagno).

Esposizioni, laboratori, conferenze, leggende, escursioni con visite e degustazioni riguardanti le diverse peculiarità gastronomiche che si possono incontrare sul territorio della valle, abbinati spesso a concerti di musica e momenti di festa: questi sono gli ingredienti di EXPA.

Di anno in anno è ormai consolidato il processo di ideazione delle iniziative EXPA, attraverso un percorso di co-progettazione con aziende agricole, pro loco, albergatori, consorzi e singoli appassionati della Valle, rafforzando nel tempo una rete di attori locali interessati ad agire in sinergia per creare nuove opportunità di sviluppo territoriale.

Dopo aver ipotizzato la struttura della rassegna, l’Ecomuseo periodicamente organizza vari incontri per colloquiare con i collaboratori, alcuni già presenti nelle precedenti edizioni ed altri nuovi, per dare vita al calendario delle iniziative, in cui ogni attore crea il proprio evento puntando sulle proprie specificità per offrire un’esperienza da trasmettere al turista.

Il calendario che ne deriva include 18 eventi, distribuiti su otto mesi, da aprile a novembre 2019, che si svolgono in tutti gli otto Comuni della valle e 2 momenti di Expa Fuori Valle in cui si “porta” la passione fuori del territorio della Valle (Cheese a Bra e Festival “Sguardi sui territori” a Gemona).

Come nelle edizioni passate, gli appuntamenti previsti per EXPA 2019 promuoveranno, attraverso attività di vario tipo, le componenti culturali caratteristiche della Valle Grana, valorizzando in particolar modo il tema dei saperi legati ai prodotti tipici della Valle, protagonisti del progetto “Saperi e Sapori in Valle Grana” finanziato da Regione Piemonte, su cui si sono concentrate le ricerche dell’Ecomuseo negli ultimi due anni.

Scopri la filosofia degli appuntamenti EXPA!

Le attività comprese nel calendario 2019 saranno:
Escursioni alla scoperta degli aspetti naturalistici e culturali del territorio;
Laboratori esperienziali dedicati alla conoscenza delle tipicità produttive e gastronomiche della Valle Grana;
• Eventi dedicati alla cultura del territorio, in collaborazione con “Espaci Occitan – Maraman”;
Esplorazioni musicali, artistiche e teatrali, in collaborazione con Associazione Detto Dalmastro e Contardo ferrini;
Degustazioni e laboratori del gusto, in collaborazione con “ONAF” e “Bioetik”;
• Proiezione video-documentari prodotti all’interno del progetto “Saperi e sapori in Valle Grana” sui cinque prodotti tipici della Valle.

Le iniziative 2019 sono calendarizzate in modo tale da proporre giornate e weekend per appassionati, attrattivi anche per fruitori provenienti da aree del Piemonte e della Liguria non prossimali alla Valle Grana, riunendo ove possibile in due giorni più iniziative che siano tematicamente affini.

Attraverso le iniziative proposte, EXPA pone due obiettivi principali:
consolidare la rete di collaborazioni estesa sul territorio della Valle Grana ampliando quella creata nelle edizioni precedenti;
promuovere la Valle Grana all’esterno non solo al turista ma agli operatori culturali presenti oltre la Valle attraverso la creazione o il consolidamento di rapporti già esistenti.

previous arrow
previous arrow
next arrow
next arrow
Slider

EXPA 2019_MOTIVAZIONE DELL’INIZIATIVA

La rassegna EXPA rispecchia, nelle motivazioni che sottendono alla sua realizzazione, gli obiettivi propri dell’Ecomuseo Terra del Castelmagno, ovvero dare voce al patrimonio culturale delle comunità della Valle Grana ed alle tipicità ed eccellenze del territorio, attraverso il coinvolgimento della popolazione locale in un processo di co-progettazione inclusiva e condivisa.
In breve, gli obiettivi che motivano EXPA sono:
• La valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale, storico, ambientale e paesaggistico e dell’identità del territorio e delle comunità dell’Ecomuseo Terra del Castelmagno;
• La promozione di produzioni e attività di rilievo per lo sviluppo del territorio, in ambito agricolo, artigianale, turistico, enogastronomico;
• Il consolidamento della rete di attori e stakeholder locali nella costruzione di un progetto condiviso;
• Il rafforzamento della coesione sociale e del pubblico attivo sul territorio della Valle Grana;
• Il coinvolgimento di un pubblico di prossimità, proveniente da un’area compresa entro un raggio di circa 60 km dal territorio di pertinenza dell’Ecomuseo Terra del Castelmagno, che si possa relazionare e interagire con le comunità locali.
I livelli di azione, quindi, sono due: il primo, a livello locale, vede EXPA come opportunità per le realtà locali di creare e rafforzare reti territoriali all’interno delle quali lavorare su progetti condivisi di sviluppo della Valle; il secondo, in un’ottica di apertura, tende a dialogare con il pubblico fruitore dell’iniziativa con iniziative di valorizzazione e promozione coinvolgenti.

EXPA 2019_RISULTATI ATTESI E RICADUTE DELL’INIZIATIVA

Di anno in anno, EXPA si propone come un grande laboratorio collettivo con lo scopo di creare nel tempo una relazione stabile e duratura fra il territorio della Valle Grana e i fruitori. Le edizioni di EXPA, riproposte annualmente, sono da intendere come un processo unitario che educhi il pubblico alle tematiche trattate dagli eventi proposti, alla conoscenza della cultura locale e ai valori della sostenibilità, accompagnandolo in una riflessione consapevole sulle possibilità di sviluppo sostenibile della Valle Grana.
Le ricadute dell’iniziativa sono quindi da riscontrare nel medio periodo e le prime quattro edizioni EXPA hanno dimostrato che il percorso culturale ricercato sta dando i suoi frutti, registrando trend di crescita sia nel numero di attori locali coinvolti (38 nel 2015, 54 nel 2016, 77 nel 2017, 132 nel 2018, tra associazioni, consorzi, fondazioni, altri enti, pro loco, strutture ricettive, esercizi commerciali, gruppi musicali, singoli appassionati) sia nei fruitori (190 nel 2015, 240 nel 2016, 434 nel 2017, 541 – più 2000 durante la festa finale – nel 2018).

 

 

2015

2016

2017

2018

         

Appuntamenti

14

14

22

16

Attori locali coinvolti

38

54

77

132

Partecipanti

190

240

434

541

 

In breve, i risultati attesi derivanti da EXPA sono:
• Una solida rete di relazioni sul territorio, rafforzata di anno in anno, tra aziende, pro loco, albergatori, consorzi e singoli;
• Uno staff organizzativo consolidato in grado di interpretare le necessità del territorio, proporre nuove riflessioni, analizzare obiettivamente le edizioni passate per potenziare le ricadute positive dell’iniziativa, in quanto rispondente ai bisogni attuali del territorio;
• Un’offerta culturale testata e perfezionata che possa portare alla creazione di nuovi programmi di visita da proporre in modo stabile nei cataloghi dell’offerta turistica della Valle Grana, creando opportunità di sviluppo turistico con ricadute economiche sul territorio;
• Aumento dell’attrattività della Valle Grana per appassionati ad un turismo lento, sostenibile ed esperienziale, non solo nella Provincia di Cuneo ma anche nel Torinese e in Liguria.

EXPA edizioni passate

EXPA 2018

L’ECOMUSEO_ovvero il punto di partenza di EXPA – ESPERIENZE X PERSONE APPASSIONATE

L’Ecomuseo Terra del Castelmagno nasce nell’anno 2007 su iniziativa dell’Associazione Culturale La Cevitou con l’obiettivo di tutelare e valorizzare il processo produttivo del Castelmagno illustrandone l’evoluzione nel corso del tempo, la ricaduta sull’economia e sulle abitudini di vita locale. Il suo territorio si sviluppa sui comuni di Monterosso Grana, Pradleves e Castelmagno, un’area che trova il proprio elemento di continuità nella lingua e nella cultura occitana e che costituisce la zona di produzione e stagionatura del formaggio Castelmagno (Reg. CEE n. 1263 del 1/07/1996).

All’interno di questo territorio l’Ecomuseo si sviluppa sulle seguenti sedi museali: Beico spazio espositivo, informativo e di vendita prodotti tipici della valle Grana (presso il Filatoio di Caraglio); Museo Terra del Castelmagno a San Pietro Monterosso; Biblioteca e Sede ecomuseale a San Pietro; Una casa per Narbona presso la ricostruzione ambientale di Campomolino – Castelmagno. Oltre a queste strutture l’Ecomuseo dispone di un laboratorio didattico presso il Caseificio Cooperativo di Pradleves e comprende alcuni percorsi tematici sul territorio. Tutte le sedi sono in comodato ad uso gratuito, affidate all’ente gestore.

Il Museo è aperto con ingresso a pagamento il sabato e la domenica tutto dell’anno. Sono inoltre possibili apertura straordinarie su prenotazione. L’organigramma prevede un direttore ecomuseale con incarico annuale e un coordinatore ecomuseale con incarico annuale ai quali si affiancano consulenti liberi professionisti e volontari in funzione delle attività che vengono cantierate su base annua. I fondi di funzionamento della struttura derivano dalla Legge Regionale n. 31 del 14 marzo 1995, dagli introiti derivanti dalle attività realizzate, dai contributi dell’ente pubblico territoriale di riferimento e da progettualità sviluppate nel corso dell’anno dall’Associazione La Cevitou.

EXPA (Esperienze X Persone Appassionate) rappresenta uno di questi progetti, forse il più riuscito negli ultimi anni, alla luce delle dinamiche che è riuscito a sviluppare non solo all’interno del territorio vallivo, ma anche e soprattutto per l’interesse e la partecipazione che è riuscito a generare nelle sue prime tre edizioni.

EXPA 2018_ un progetto culturale condiviso, non un semplice festival
La rassegna EXPA (Esperienze X Persone Appassionate) si propone di dare voce e di coinvolgere attivamente le comunità e gli attori (aziende agricole, pro loco, albergatori, consorzi e singoli appassionati) degli otto Comuni della Valle Grana (Cuneo): Cervasca, Bernezzo, Caraglio, Valgrana, Montemale, Monterosso Grana, Pradleves, Castelmagno.

Inaugurata nel 2015, nei tre anni di programmazione la manifestazione ha visto organizzati più di 50 eventi, con un numero di partecipanti alle esperienze che è passato dai 190 del 2015 ai 434 del 2017. Invariato il numero dei comuni coinvolti nelle tre edizioni (gli otto comuni della valle), mentre gli attori coinvolti sono passati dai 38 del 2015 ai 77 del 2017.

Forti dell’esperienza maturata nelle tre edizioni archiviate, EXPA 2018 vuole proseguire il lavoro intrapreso negli anni precedenti, consolidando sinergie e potenziando la rete instauratasi tra gli operatori del territorio. Questo intento verrà perseguito attraverso la creazione di un calendario di appuntamenti – alcuni già esistenti nei calendari di valle, altri creati ad hoc – rivolti a un pubblico di persone appassionate al tema del buon cibo e legati dal fil rouge dei prodotti tipici. Il calendario sarà caratterizzato da:
● laboratori esperienziali finalizzati alla conoscenza dei prodotti tipici della Valle Grana (formaggio Castelmagno, tartufo nero, zafferano, patata);
● escursioni alla scoperta degli aspetti naturalistici del territorio;
● eventi dedicati alla cultura del territorio, in collaborazione con “Espaci Occitan – Maraman”;

● esplorazioni musicali, in collaborazione con “Associazione Detto Dalmastro” e “Occit’amo”;
● degustazioni e laboratori del gusto, in collaborazione con “ONAF”.

La rassegna EXPA manterrà l’attenzione a temi sociali ed etici affidando spazi di approfondimento ad associazioni ed enti che hanno deciso di condividere il calendario di questa edizione, come “Associazione Donna per donna”, “Movimento della Decrescita Felice”, “Il Piemonte che cambia” e “Banca etica”.

Il calendario 2018 è stato articolato su 16 appuntamenti molto diversi tra di loro, ma legati dalla passione, la passione dei soggetti che propongono gli eventi e soprattutto la passione del pubblico, un pubblico che ormai aspetta e cerca le proposte esperienziali del festival. Proprio per alimentare questa passione il calendario di iniziative vuole stimolare la riflessione e lo sviluppo economico e turistico consapevole della Valle. Come più volte affermato l’obiettivo principale di questa rassegna non è quello di attirare migliaia di turisti in valle per un evento spot, ma riuscire a far entrare il visitatore in relazione con il territorio attraverso gli appassionati.

Riassumendo, questi posso essere gli obiettivi strategici di EXPA 2018:
• creare una rete di collaborazioni estesa sul territorio vallivo ampliando quella consolidata nelle edizioni precedenti;
• promuovere la Valle Grana all’esterno non solo al turista ma agli operatori culturali presenti oltre la Valle attraverso la creazione o il consolidamento di rapporti già esistenti.

Per raggiungere questi due risultati lo staff della manifestazione prevede il coinvolgimento di professionisti appassionati in grado di: valorizzare le potenzialità dell’iniziativa, essere critici ed obiettivi nell’analisi delle passate edizioni, conoscere la valle così tanto da essere in grado di proporre nuovi appassionati e nuove passioni e diventare sempre di più un riferimento per il territorio.

Considerando l’esperienza costruita nel corso di questi anni, l’idea è quella di costruire una proposta per expa 2018 da sottoporre direttamente alle agenzie turistiche che lavorano in incoming per promuovere insieme l’iniziativa. Il terzo obiettivo è quello di creare nuovi programmi di visita EXPA da proporre in modo stabile nei cataloghi dell’offerta turistica della valle Grana creando anche, in collaborazione con gli albergatori, delle possibilità di soggiorno in Valle per due o tre giorni a contorno degli eventi EXPA. Il quarto obiettivo è quello di consolidare e allargare la promozione degli eventi Expa non solo alla zona del cuneese e delle langhe, ma anche del Torinese e dalla Liguria. Abbiamo avuto modo di notare che il target cittadino e fuori zona è un pubblico più curioso ed interessato.

EXPA 2018_gli appuntamenti
Le rassegna 2018 è stata caratterizzata da 16 appuntamenti calendarizzati tra magio e novembre 2018.

EXPA_motivazione dell’iniziativa
Le motivazioni che portano alla realizzazione della quarta edizione di EXPA trovano respiro negli obiettivi propri dell’Ecomuseo Terre del Castelmagno, ovvero esprimere il patrimonio culturale di una comunità senza costringerlo nelle mura di un edificio, coinvolgendo la popolazione locale in un processo di progettazione inclusiva, condivisa e capace di dare voce a particolarità ed eccellenze del territorio.
Nello specifico, EXPA si propone di:
• valorizzare e promuovere il patrimonio culturale materiale e immateriale, storico, ambientale e paesaggistico, restituendo identità ai luoghi del territorio dell’Ecomuseo del Castelmagno (Comuni di: Cervasca, Bernezzo, Caraglio, Valgrana, Montemale, Monterosso Grana, Pradleves, Castelmagno);
• promuovere attività e produzioni locali peculiari per lo sviluppo del territorio, la biodiversità e la specificità locale, in ambito agricolo, enogastronomico, artigianale, turistico, …

Ulteriore motivazione di azione è data dal desiderio di:
• rafforzare la coesione sociale ampliando il pubblico attivo sul territorio di pertinenza dell’Ecomuseo Terre del Castelmagno;
• ampliare il coinvolgimento di un pubblico di prossimità (60 km di raggio dal territorio di progetto) capace di relazionarsi e interagire con la popolazione locale.
In sintesi, le parole chiave che alimentano il cuore di EXPA sono: valorizzazione, promozione, coinvolgimento e coesione sociale.
È da questa base che nasce l’idea – e l’esigenza – di creare una rassegna di eventi che metta in relazione tra loro le persone appassionate di Valle Grana (aziende, pro loco, albergatori, consorzi e singoli) al fine di – in prima battuta – stimolare la creazione di reti territoriali forti (perché costruite dal basso e “su misura”) e – in secondo luogo – instaurare un dialogo con i fruitori dell’iniziativa.

EXPA_risultati attesi e ricadute dell’iniziativa
Il lavoro di EXPA non è finalizzato alla realizzazione di un singolo evento spot rivolto a un target generico, ma si traduce piuttosto in un’azione indirizzata al tentativo di creare una relazione stabile e duratura tra territorio e fruitore. In pratica, EXPA non “chiama” il turista, ma “dialoga” con gli APPASSIONATI, cercando di educarli alle tematiche trattate dagli eventi proposti in calendario.
Un processo culturale attuabile sul medio periodo che coinvolge attivamente gli amministratori, la popolazione, gli operatori e che inizia a dare i suoi frutti (il trend di crescita annuo registrato durante le prime tre edizioni di EXPA si attesta intorno al 200%; in totale, EXPA conta: 64 eventi a calendario, 169 attori coinvolti, circa 800 partecipanti).
Un tentativo di accompagnare sia gli attori del territorio che i fruitori del progetto in una riflessione consapevole incentrata sulle possibilità di sviluppo sostenibile della Valle Grana.
In breve, il progetto EXPA persegue quattro obiettivi:
• implementazione della rete di relazioni creatasi sul territorio durante le edizioni precedenti;
• creazione di uno staff organizzativo composto da professionisti che si occuperanno di realizzare EXPA 2019 e in grado di: valorizzare le potenzialità dell’iniziativa, essere obiettivo nell’analisi delle edizioni precedenti, conoscere la valle in modo puntuale così da poter proporre nuove riflessioni;
• progettazione e creazione di nuovi programmi di visita in stile EXPA da proporre in modo stabile nei cataloghi dell’offerta turistica della valle Grana creando, in collaborazione con gli operatori turistici del territorio, delle possibilità di soggiorno in Valle per due o tre giorni;
• consolidamento della promozione degli eventi EXPA non solo alla zona del cuneese e delle Langhe, ma anche del Torinese e dalla Liguria.

EXPA_principali luoghi di svolgimento dell’iniziativa
La casa di EXPA è la Valle Grana (Cuneo).La rassegna si svolge sull’intero territorio amministrativo dell’Unione Montana Valle Grana comprendendo i comuni di Caraglio, Cervasca, Bernezzo, Valgrana, Montemale, Monterosso Grana, Pradleves, Castelmagno e l’Ecomuseo Terre del Castelmagno.
Il luogo scelto dal progetto EXPA per l’evento finale del 25 novembre che rappresenta un momento di vetrina e promozione della Valle indirizzato ad una larga fascia di pubblico sarà realizzato presso il Filatoio di Caraglio. Tutte le altre proposte saranno realizzate in luoghi significativi ed evocativi capaci di far scoprire Valle da punti di vista non usuali ed in grado di valorizzare Aziende, Consorzi, Associazioni e persone che per prime per passione ogni giorno si mettono in gioco.

EXPA_piano di comunicazione
Per garantire una ricaduta di tutte le azioni di cui sopra, l’attivazione del progetto sarà supportata da un piano di comunicazione capace di dare visibilità al progetto nell’area territoriale di riferimento, comunicare ad un vasto pubblico gli obiettivi, le attività e i risultati del progetto anche nell’ottica di una sua replicabilità e/o trasferimento dei risultati; fornire un supporto all’implementazione del progetto e alla sua sostenibilità nel tempo attraverso un efficace sistema di comunicazione interno ed esterno volto ad alimentare e semplificare la collaborazione tra i partner e le attività di gestione.
Le azioni condotte nell’attività saranno mirate a
• definizione della visual identity e impaginazione materiali di progetto;
• animazione e aggiornamento dei canali di comunicazione;
• attivazione ufficio stampa;
• gestione social network e campagne web.
Visto il successo delle azioni di comunicazione svolte nell’edizione 2017, che hanno visto la forte presenza del canale video attraverso la mesa in opera di video-interviste destinate a lanciare i diversi eventi del progetto, anche l’edizione 2018 del piano di comunicazione sarà basata su questo canale. L’intento è creare una linea editoriale di materiali destinati a narrare i diversi appuntamenti nel corso dello sviluppo della manifestazione.

Scarica la relazione!

Gli appuntamenti

I gettoni Cuor di Nocciola di Giraudo

 

Clicca per vedere la locandina della Festa EXPA finale 2018!

 

Scopri il video promozionale di EXPA 2018 per i social!

Guarda com’è andata la Festa finale EXPA 2018!

EXPA 2017
Nata nel 2015, quando l’Italia ha accolto l’Expo a Milano focalizzato sulla questione di “nutrire il pianeta”, la rassegna EXPA (Esperienze X Persone Appassionate) è stata riproposta nel 2016 e anche quest’anno l’Ecomuseo Terra del Castelmagno, col sostegno dell’Unione Montana Valle Grana e dell’associazione CUMA, ha consolidato una rete di collaborazioni in valle per creare una rassegna di eventi rivolti ad un pubblico di persone appassionate al tema del buon cibo, dei prodotti tipici, del turismo sostenibile, della cultura del territorio e dell’arricchimento personale attraverso lo scambio relazionale. Esposizioni, laboratori, conferenze, escursioni con visite e degustazioni guidate riguardanti le diverse peculiarità gastronomiche e territoriali-paesaggistiche che si possono incontrare sul territorio della valle, abbinati spesso a concerti di musica occitana e momenti di festa, sono il ricco menu dei ventinove appuntamenti in programma, tra maggio e novembre 2017.

Scopri che cos’è EXPA gurdando il video con la voce dei protagonisti!

EXPA è una creazione condivisa da aziende agricole, comuni, pro loco, albergatori, consorzi e singoli appassionati del territorio che hanno affiancato e sostenuto la progettazione del contenitore di eventi, che si è configurato quasi spontaneamente, e ancor più delle precedenti edizioni, come un’attività del territorio e per il territorio.

Le attività proposte, gli attori coinvolti, il numero dei partecipanti nel corso delle scorse edizioni è sempre cresciuto andando a raddoppiarsi da un anno all’altro, speriamo di fare sempre meglio e di riuscire a trasmettere la Valle Grana attraverso i suoi appassionati.
Anche quest’anno si è svolta la tradizionale Festa finale di Expa 2017, tenutasi presso il Filatoio di Caraglio. Come d’abitudine l’evento si è tenuto in un clima di amicizia e partecipazione, in cui si sono potuti ammirare alcuni degli attori che hanno contribuito alla sostanziale crescita del progetto Expa nel 2017.

La musica ovviamente ha contribuito a rendere il tutto ancora più coinvolgente, e ha fatto immergere i visitatori nel clima della festa, grazie all’armonia della musica classica e al timbro folkloristico della musica occitana.

Expa però guarda già al 2018, con l’obbiettivo di consolidare gli obbiettivi raggiunti e di ampliare i propri orizzonti, sempre contando sugli appassionati, cioè le persone che sono il nucleo dell’attività di Expa.

Scarica la relazione!

 

EXPA 2016

L’edizione 2016 di Expa -Esperienze per persone appassionate ha voluto e saputo potenziare le collaborazioni iniziate nella prima edizione della rassegna. In particolare si è cercato di coinvolgere nuove realtà, che fin dall’inverno precedente hanno espresso la volontà di entrare nella rassegna.

Anche per il 2016 è stata importante la collaborazione con gli enti del territorio, quali associazione CUMA Valle Grana ed Unione Montana Valle Grana, indispensabile per riuscire a sostenere economicamente e logisticamente la rassegna.

Gli appuntamenti del 2016.EXPA si sviluppa su tre filoni tematici principali: “Esperienza expa”, “Gusto expa” e “Festa expa”. Alcuni degli eventi organizzati comprendono tutte e tre le tematiche, mentre altri ne includono solo alcune.Rispetto alla prima edizione sono pressochè raddoppiati i numeri di fruitori, provenienti dalla provincia di Cuneo e non solo. Anche sul territorio si è assistito ad un’appropriazione dell’evento molto positiva da parte di alcuni esercenti, con albergatori che hanno costruito intorno all’evento singolo un’offerta di due giorni.

La Festa finale di Expa 2016 al Filatoio di Caraglio nel 2016 è stata all’insegna del coinvolgimento e della musica; con la partecipazione di numerosissime formazioni musicali di generi diversi, dal classico all’occitano, che hanno preso la scena nei diversi locali dell’imponente struttura per creare atmosfere suggestive e momenti di divertimento. L’allegra compagnia di Magulou invece ha pensato di coinvolgere un gran numero di spettatori e visitatori come parte attiva degli spettacoli.

 

Una parte importantissima, centrale e nodale, l’hanno avuta i veri protagonisti dell’anno di Expa, le aziende del territorio, riunite nella suggestiva Sala delle Colonne per dare vita ad un mercatino made in valle Grana e all’insegna di tanta qualità.

Gli amministratori della valle Grana sono intervenuti nel pieno della festa volendo consegnare ad alcuni cittadini il “Premio Expa” per la loro opera civile al servizio della comunità.

Una festa della Valle Grana, per la valle Grana e per i suoi visitatori.

Scarica la relazione!

 

EXPA 2015

La prima edizione di Expa-Esperienze per persone appassionate è stata una vera e propria sfida: mettere in rete molte realtà produttive e cercare una via comune per proporsi ai visitatori.


Le cifre della prima edizione.La sfida è stata accolta con entusiasmo da molte realtà produttive della valle Grana, che hanno saputo e voluto mettersi in gioco ed offrire la propria conoscenza e la propria passione ai visitatori.

Guarda gli eventi maggio-dicembre 2015.
Guarda l’evento dell’8 dicembre 2015.Per chi ha partecipato agli eventi (una decina di persone ad appuntamento in media) è stata un’occasione unica per trasformarsi da consumatori ad attori: incontrare chi fa le cose e “metterci le mani”, cioè farsi guidare a realizzare un prodotto che di solito si consuma.

L’esperimento è riuscito, a tal punto da favorire nuove collaborazioni tra aziende presenti sullo stesso territorio che mai si erano conosciute prima, o che non avevano valutato l’opportunità di unire le forze.

EXPA è quindi essenzialmente passione e cuore da parte di tutti i suoi attori.
Scarica la relazione!



X