La Cevitou

Associazione culturale

La Cevitou, è un’associazione culturale senza scopo di lucro nata nel 1994 dall’idea di una “ragazza” 82enne, che con mentalità molto aperta e operosa, si confrontava con le persone del posto per portare una ventata di novità in Valle Grana. Il nome occitano denota l’importanza della collocazione geografica e il termine Civetta, simbolo della Cultura in tempi remoti, sta anche a sottolineare l’operosità notturna: indica quindi originalmente l’idea di non lavorare esclusivamente a grandi eventi, ma soprattutto ad un processo mentale nuovo che necessita di tempo e costanza.

La sede è a San Pietro Monterosso nel Comune di Monterosso Grana ed opera principalmente nel territorio della Valle Grana, in collaborazione con associazioni, enti pubblici e privati, situate nelle valli limitrofe, in tutto il Piemonte e il nord Italia e con la Francia. Sinteticamente le finalità dell’associazione è racchiusa nell’articolo due dello statuto che dice: “scopo dell’Associazione è la tutela, la promozione, e la diffusione delle realtà culturali, sociali, ambientali e turistiche esistenti sul territorio, nonché la cooperazione, qualora richiesta, ad iniziative di ugual genere intraprese da altri Enti o singole persone sul territorio medesimo”.
Dall’associazione prende origine l’Ecomuseo Terre del Castelmagno, di cui ne è l’ente gestore.

Vivere, lavorare e far visitare la “nostra montagna” rimanendo nel rispetto della natura e dell’ambiente,
impegnandoci affinché tutto il patrimonio storico, culturale e naturalistico possa affondare le radici in epoche remote
per crescere rigoglioso verso un futuro ancora possibile e radioso.

Come associarsi

Se hai voglia di metterti in gioco, vuoi portare idee, energie e seguire le attività dell’Ecomuseo e della Cevitou ti invitiamo a tesserarti con noi! Oltre ad alcuni vantaggi sulle attività che siamo in grado di offrirti potrai così diventare parte attiva dell’associazione e partecipare in prima persona alla creazione di attività ed eventi. Ovviamente, nuove idee e nuove energie e nuove progetti verranno accolti ed analizzati con molto piacere.

expa.terradelcastelmagno@gmail.com

Lou Corou de La Cevitou

Il coro de La Cevitou nasce nel 1994 e deve il suo nome all’Associazione Culturale omonima. Il termine Cevitou, significa “civetta” e viene scelto dal gruppo fondatore su suggerimento di un’anziana insegnante ospite presso “Casa Vittoria” di San Pietro Monterosso. Tale scelta viene fatta per due motivi: innanzitutto perché la civetta nella mitologia greca è simbolo di saggezza ed è rappresentata come consigliera della dea Atena; in secondo luogo perché nella tradizione popolare il canto della civetta ha una connotazione negativa e il coro, attraverso le sue melodie, vuole cercare di sfatare questa credenza popolare!

Il coro connota ben presto il proprio repertorio in modo molto preciso, viene diretto dapprima da F. Simondi ed attualmente da Paola Luciano.
I circa 70 brani eseguiti ad oggi dal “Corou de La Cevitou” sono infatti in lingua tradizionale “a nosto modo” e costituiscono un ricco patrimonio di cultura popolare che investe i territori con parlata di origine d’oc italiani e d’oltralpe, dalla Spagna al Bèarn, dalla Provenza alle nostre Valli Varaita, Stura, Maira e Grana.

Il coro, composto da circa 25 coristi non professionisti, è diviso in quattro voci miste e vanta al proprio attivo numerosi concerti in Italia e all’estero. Esso si occupa della ricerca e del mantenimento del grande patrimonio canoro dei territori nostrani e d’oltralpe, proponendo al grande pubblico un repertorio di molteplici brani.
Ha partecipato a numerose iniziative di carattere tradizionale: Rescountre Ousitan, Festival della musica tradizionale di Vence, Festival des cants (Esperaza- Langued’oc), “FORT’ISSIMO” (biennale regionale delle arti popolari nella Règion Provence Cote d’Azur), il Festival dei Cori 2012 e 2014 in Val Pusteria, Fest’Oc 2014 a Gap, …
La corale è in collaborazione con diverse corali francesi e italiane. Da ormai più di un decennio partecipa con simpatia e sincera amicizia anche ad un interessantissimo scambio con una corale Lengadociana, di Carcassonne, il G.E.S.P.P.E. (Groupement d’Etude et de Sauvegarde du Patrimoine Polyphonique Esperazanais).

Nel 2000 ha inciso il primo CD intitolato “Couro la Cevitou Chanto”, ormai esaurito, e nel 2002, per i dieci anni di attività della corale, è stato inoltre inciso un secondo CD: “DES”, che contiene dieci nuovi canti, raccolti sempre dal vasto territorio in cui viene parlata la lingua d’oc.

Nel 2008 lou Corou de La Cevitou è entrato a far parte dell’album dei cori regionali e nell’inverno 2012 ha inciso in collaborazione con la corale GESPPE e i ragazzi dell’alta Valle Grana il CD “E mi chantou”, nel giugno 2013 abbiamo raggiunto anche il piccolo villaggio di Beaudinard (Francia).

Il coro collabora attivamente con l’Ecomuseo Terra del Castelmagno.

Pubblicazioni discografiche

Des - Polifonie d'Oc

Lou Corou de la Cevitou in occasione del decimo anniversario dalla sua fondazione ha registrato il cd “Des – Polifonie d’Oc”inserendo dieci brani provenienti da diverse zone dell’area occitana.

Per acquistare il cd contattare l’Ecomuseo Terra del Castelmagno al 329-4286890 oppure scrivere a ecomuseo@terradelcastelmagno.it

Des - Polifonie d'Oc

Lou Corou de la Cevitou in occasione del decimo anniversario dalla sua fondazione ha registrato il cd “Des – Polifonie d’Oc”inserendo dieci brani provenienti da diverse zone dell’area occitana.

Per acquistare il cd contattare l’Ecomuseo Terra del Castelmagno al 329-4286890 oppure scrivere a ecomuseo@terradelcastelmagno.it

...e mi chantou...

Cosa succede quando i due lembi più distanti dell’Occitania si incontrano? La risposta è presto data: si suona e si canta! …e mi chantou… l’utima fatica musicale del Corou de la Cevitou vede partecipe il G.E.S.P.P.E di Esperàza, per un cd composto da 18 brani.

Per acquistare il cd contattare l’Ecomuseo Terra del Castelmagno all’indirizzo ecomuseo@terradelcastelmagno.it oppure al 329-4286890. Il cd è in vendita anche presso Beico, la finestra di valle presente al Filatoio di Caraglio.

...e mi chantou...

Cosa succede quando i due lembi più distanti dell’Occitania si incontrano? La risposta è presto data: si suona e si canta! …e mi chantou… l’utima fatica musicale del Corou de la Cevitou vede partecipe il G.E.S.P.P.E di Esperàza, per un cd composto da 18 brani.

Per acquistare il cd contattare l’Ecomuseo Terra del Castelmagno all’indirizzo ecomuseo@terradelcastelmagno.it oppure al 329-4286890. Il cd è in vendita anche presso Beico, la finestra di valle presente al Filatoio di Caraglio.

Couro la Cevitou chanto

Il primo lavoro musicale della Cevitou, edito nell’ormai lontano 2000, è un campionario di canzoni dell’area occitana. Melodie diffuse nelle valli oppure oltralpe, a rimarcare acnora una volta che quel sottile ed invisibile filo che si chiama cultura occitana non ha confini geopolitici. Il canto popolare, per divertirsi e divertire, nella maniera più arcaica, ma rivisitato con polifonie moderne.

Per un assaggio della produzione musicale del “Corou de la Cevitou” puoi cliccare qui.

Couro la Cevitou chanto

Il primo lavoro musicale della Cevitou, edito nell’ormai lontano 2000, è un campionario di canzoni dell’area occitana. Melodie diffuse nelle valli oppure oltralpe, a rimarcare acnora una volta che quel sottile ed invisibile filo che si chiama cultura occitana non ha confini geopolitici. Il canto popolare, per divertirsi e divertire, nella maniera più arcaica, ma rivisitato con polifonie moderne.

Per un assaggio della produzione musicale del “Corou de la Cevitou” puoi cliccare qui.

previous arrow
previous arrow
next arrow
next arrow
Slider
X